La sauna in casa

Parliamo di casa

Benessere, Vivere la casa

La sauna in casa

La sauna in casaLa sauna prima che oggetto di cult e wellness è uno stile di vita salutare, che i popoli nordeuropei hanno saputo interpretare in chiave di utilità, mentre noi italiani vi abbiamo inchiodato l’etichetta di “abitudine di lusso“.

Anche senza scomodare finlandesi, svedesi e norvegesi, ma semplicemente sbirciando in Germania e Austria, possiamo renderci conto che fare la sauna è quasi una cosa normale. Non dico che sia come fare una doccia, ma comunque in quei Paesi l’abitudine alla è ammantata di molto meno snobismo rispetto all’Italia. E’ sufficiente fare una vacanza anche in Trentino e ancor più in Tirolo, per rendersi conto che molti hotel anche tre stelle, di stile e prezzo assolutamente normale, contemplano la sauna tra le dotazioni non a pagamento, cosa molto ma molto difficile da trovare nel resto d’Italia.

Quindi, se per un tedesco o un austriaco avere la sauna in casa non significa necessariamente far parte della top class, da noi è sufficiente – coi tempi che corrono – per farci pensare subito… al redditometro e all’Agenzia delle Entrate!. Ora, scherzi a parte, una sauna in casa anche in un’abitazione italiana è sicuramente una dotazione inconsueta, anche se non più come alcuni anni fa.

Una cosa da tenere presente: sconsigliamo il “fai da te” e il “kit-che-puoi-montare-da-solo” tipico da centro commerciale: per realizzare una sauna anche piccola che possa funzionare come si deve, presentare tutti i requisiti di sicurezza e soprattutto durare nel tempo, è consigliabile rivolgersi a uno dei tanti produttori professionali di saune.

Oltre i costi e la provenienza è anche di primaria importanza valutare che la tua nuova sauna dovrà essere alimentata con l’energia elettrica dell’impianto della tua casa. Occorre sapere di quanti chilovatt dispone il tuo impianto. In più è importante notare che deve esistere un rapporto tra i kW disponibili e il volume della sauna espresso in metri cubi. All’atto pratico si dovrebbe considerare un consumo di un chilovatt per ogni metro cubo (al massimo 1,30 mq). Quindi per alimentare una sauna di cinque o sei metri cubi occorreranno dai 4,5 ai 6 kW. Naturalmente il tipo di coibentazione della cabina può influire positivamente o negativamente su questi consumi.

Anche il ricambio dell’aria deve essere frequente, almeno cinque o sei volte all’ora, per evitare che l’ossigeno si esaurisca in fretta.

Una sauna in casa è un gadget moderno e di tendenza che può arrivare a costare svariate migliaia di Euro. Visto che la spesa è importante è sicuramente consigliabile gestirla come una cosa di lungo termine, evitando un acquisto affrettato, apparentemente economico e che non conceda il massimo delle garanzie.

Questo articolo è stato scritto da Flavio Pacini
Potrebbero interessarti questi articoli