Come tenere pulita la casa? 7 piccoli consigli

Parliamo di casa

Tenere pulita la casa
Mantenere, Pulizia

Come tenere pulita la casa? 7 piccoli consigli

Dopo aver cercato, o costruito, la casa dei nostri sogni arriva il momento di mantenerla.
Un po’ perché il lavoro ci impegna, un po’ per gli impegni familiari e un po’ per pigrizia,

Esistono dei trucchi per tenere pulita e ordinata la casa senza dover organizzare “maratone” nel week-end? Si.

Anche se più che trucchi veri e propri sono piccoli accorgimenti, buone abitudini che dobbiamo imparare a prendere. Ecco quali sono.

Come tenere pulita la casa?

1. Togliere le scarpe in casa

Una volta entrati in casa dovremmo togliere le scarpe. Eviteremo così di portare in casa lo sporco delle strade: polvere, foglie, terra. Vicino all’ingresso prepariamo le pantofole e usiamole solo in casa. È un’accortezza che dovremmo usare anche con gli ospiti: all’ingresso prepariamo delle ciabattine anche per loro. Questa è un’usanza tutta giapponese: quando si entra in casa d’altri (ma anche in luoghi pubblici come la scuola)  è tradizione togliersi le scarpe, per una questione di pulizia e per non rovinare il pavimento delicato. Paura dei cattivi odori? Ricordiamoci che stiamo ospitando e tra i nostri compiti c’è quello di mettere a suo agio il nostro invitato.

2. Pulire subito

Lo dicono tutti e lo ripetiamo anche noi: pulire poco, ma spesso.
Le briciole di uno spuntino sul divano, gli spruzzi di dentifricio che cadono nel lavandino. Perché non pulire subito?  Proviamo a vincere la nostra pigrizia e prendiamo la spugnetta o paletta e scopino e diamoci da fare. Se lasciamo correre, le macchie saranno più difficile da rimuovere e le briciole si accumuleranno alla polvere. In questo modo, quando faremo le pulizie basterà una veloce passata, di ramazza o di spugna.

3. Un contenitore per tutto

Spesso non abbiamo il tempo di mettere in ordine tutto subito e accumuliamo: le riviste sul tavolo, i vestiti sulla sedia, la posta vicino all’ingresso. Quando dovremo pulire ci metteremo il doppio perché prima avremo molte cose da mettere a posto. Procuriamoci quindi dei contenitori dove riporre i diversi oggetti. I panni sporchi nella cesta dei panni sporchi, le riviste nel porta-riviste, gli abiti nell’armadio. In questo modo sbrigheremo le pulizie più facilmente e potremo ordinare i vari oggetti con calma dopo. C’è chi di questa pratica ha fatto un’arte.

ordinare-casa
via pinterest

4. Un contenitore per tutto, anche in frigorifero

Facciamo la stessa cosa in frigorifero. Utilizziamo i contenitori per conservare correttamente gli avanzi e per spostarli con facilità quando viene il momento di pulire il frigorifero.

5. Riciclare subito

La raccolta differenziata è un servizio che c’è in quasi tutti i comuni italiani. Quando si deve buttare la spazzatura, di qualsiasi tipo, evitiamo di fare mucchi e buttare tutto alla rinfusa o passare ore a smistare i vari rifiuti. Quando stiamo per scartare qualcosa differenziamo subito i materiali della confezione. Ma non limitiamoci a questo: pieghiamo la carta, accartocciamo la plastica o le lattine. In questo modo quando avremo risparmiato spazio e la spazzatura non uscirà dal bidone preposto, aumentando sporco e disordine in casa.

6. Pulire in compagnia

A meno che non viviamo da soli, facciamoci aiutare quando dobbiamo pulire: che siano coinquilini o familiari, la casa è di chi la vive. Suddividiamo compiti e stanze e iniziamo il lavoro. Prima però sarà bene aver parlato chiaro sul livello di pulizia che si vuole raggiungere, altrimenti potrebbero sorgere malintesi. Se la casa è nostra e ci viviamo con la nostra famiglia, sarà facile mettersi d’accordo. Quando però si abita con altre persone è necessario che tutti abbiano lo stesso concetto di pulizia: alcune persone possono essere maniache dell’igiene, altre più rilassate, forse troppo. Parlarne prima è la soluzione migliore.

7. Fare un calendario per le grandi pulizie

Pulire poco, ma pulire spesso. Giusto?
Ma come affrontare le grandi pulizie? Ovvero: pulire i ripiani alti, spostare i mobili, sfoderare i divani. La risposta è: organizzarsi con un calendario alla mano. Decidiamo prima quando pulire cosa: sono compiti impegnativi e non rimandabili. Stabiliamo dei periodi dove potremo all’incirca affrontare quei compiti. Se non lo facciamo ci dimenticheremo e rimanderemo a quando avremo più tempo, con il rischio che la polvere diventi eccessiva arrivando ad intaccare anche le parti della casa che viviamo quotidianamente.
Organizzarsi per tempo può sembrare maniacale ma aiuta tantissimo se si vuole tenere la casa non sempre perfettamente pulita, ma vivibile, accogliente. Per i nostri ospiti e per noi, che la viviamo giorno dopo giorno.

©pic:flickr
Questo articolo è stato scritto da Silvia Svanera
Potrebbero interessarti questi articoli